Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
BASKET - NBA SHOTS
Per chi vive da molto e segue da troppo, si sapeva già di una serie (33) di vittorie consecutive nell’annata Nba 1972, nella quale, Jerry e Wilt in LA, salirono sulla vetta delle 69 wins! (…eguagliati poi, sempre dai Bulls ’97!).
Negli anni ’80, non furono i Lakers del “back-to-back” bensì, prima, i Boston Celtics di “Hick from French Lick” a sfiorare una stagione da record, raggiungendo le 67-15 nel 1986, soprattutto con un “gioco-totale” rimasto negli annali e considerato tra i migliori “All-Time”!
Tralasciando le 68 W con i 76ers (Wilt again…) e i Celtics ’73, gli odierni Warriors fanno la corsa, quella vera, sui grandi Chicago Bulls di Michael Jordan, come sappiamo tutti.
Nel 1996, MJ tornò dopo la deludente “post-season”, precedente, del suo “I’m back!”
Si notò subito la…differenza!
Nell’estate, sulla sella della sua “Harley Davidson”, coach Jax interloquì con il dominatore dei rimbalzi di allora (7 corone…), tale mister “Hot Rod” …
Su autorizzazione “espressa” di “His Airness”, convocò sulle sponde del Michigan l’unico tizio che nessuna squadra al mondo voleva: appunto, Dennis il matto!
Baffo Phil creò, così, i suoi “Jackson Five”!!!
Sul campo, la difesa del trio con “Da Pip” e il “Triple Post Offense”, diedero un univoco messaggio:
Air Jordan è tornato, ed i Bulls sono più forti di prima!
Il resto è…leggenda.
Mike faceva l’indifferente con la stampa, pure sul tetto delle 70…
Nel trionfo delle 72 vinte, c’era il sigillo del MVP 1996, del TOP Rebounder (a 14,9 di media), dell’”All-Star” difensivo ed offensivo (Scottie!), del miglior 6° UOMO figlio della Croazia e, meritato, il favoloso COACH of the YEAR mister PJ…
E, udite, udite, pure del miglior tiratore in arresto (al buzzer!), non solo secondo sua Maestà MJ:
Steve Kerr!
Proprio lui.
Il basket giocato era più fisico, perché ricco di contatti in area (e non solo…), nel traffico, in quanto leggermente più lento e ragionato, con tiri dalla media, giochi ripetuti in “post”, grazie anche al “Triangolo” laterale, meno atletismo ma più tecnica “osservabile”, con appunto il futuro coach Kerr a battagliare con gli altri…non dimentichiamolo.
Come si può, quindi, dubitare di questi, quando si riferisce a quei tempi, parlando di altra…pallacanestro e di un “mai-visto-uno-come” Curry?
Vi sembra che (se siete sotto i 40, andatevi a rivedere VHS- oh no! -scusatemi, DVD e“YouTube”!),
abbiate mai visto Jordan palleggiare, girando per tre volte sotto canestro, per tornare sul perimetro con tre, dicasi tre difensori attorno, senza passarla per il “sacro giochetto di Tex Winter”(ancora vivo…), e tirare in “fade-away” da 9 metri, senza neppure vedere l’anello o la cheerleader a bordo campo?
Non credo proprio.
Dopo averne messi fino ai…37 (!!!) per 6/7 anni, pure Michael seppe che avrebbe dovuto “giocarsela” con un “metodo” e con il “post”, per vincerne una!
Ma, e qui sta il bello, tutti a “condannare” Steph Curry ed i suoi GSW per …aver cambiato il “GIOCO” e costretto il prossimo ad…adeguarsi!
Se Bob Lanier e Pete Maravich non dovevano voltarsi verso Mikan, Cousy e Russell, Doc J verso Connie Hawkins, Larry e Magic osservare Oscar o Frazier, e Mike stesso “andare oltre” il Passato, non vedo perché “Circus” non dovrebbe fare altrettanto!
Ragazzuoli, non facciamo i…calciofili!
Sapete che loro “non vedono di buon occhio i semplici e dovuti…cambiamenti” …
Accettiamo passare del tempo ed evoluzione dello sport, sennò (nisba…)!!!
Ricomincio (ahia!).
Contatti:
l’atletismo esasperato di oggi, la rapidità dei movimenti e la velocità del sistema, non ne…permettono, o meglio, non gli stessi, del medesimo tipo!
Charles “the Oak” Oakley ti massacrava, se gli permettevi “l’appoggio” o l’“hack & checking” (per capirci: contatto-incidenza e controllo…), ma andava in tilt se doveva marcare uno come “Round Mound of Rebound” alias Sir Charles Barkley!!!
Perché: perchè Chuck la metteva in terra ed andava al ferro da “ala piccola” (e non da 4!) proprio come fa oggi “the Dry” Green, “se ne andava”, arrivando in velocità come rimorchio o girandoti attorno “come una trottola”!
Idem la marcatura su Shaq “Attack”, successiva:
solo Mourning e “Big Ben” Wallace riuscirono a limitare lo strapotere fisico in post di Shaquille:
ovvio, Mutombo e, perfino Ewing, rimanevano “inchiodati” sul posto.
Laddove Robinson, un super-atleta, veniva sbalzato via da…”the Diesel” alias “Big Aristotele”!!!!!
Insomma, “i contatti”, ce li hai, se…”li prendi” (sennò….nisba!).
Ed oggi, prova tu a stare dietro il “ball-handling” di Steph…mentre gli altri si…muovono in continuazione su tutto il parquet! (nisba 3!)
Tecnica:
non voglio contraddirmi, ma non è vero per niente, come vanno dicendo Payton o lo stesso (no!) Charles, che questi non sanno giocare, vincendo a causa della scarsezza degli altri!
Emerita cazzata!!
Parlate con qualche allenatore!!!
Per giocare con Curry, Thompson e Draymond, “devi” saper giocare!
Non solo capire il giochino od il sistema, no!
Al tuo magnifico stato fisico, alle tue doti da “Iron man”, devi aggiungere…cosa?
La tecnica, miei bravi ragazzi.
Devi saperla gestire, controllare e…tirare!!!
Ed ecco il terzo punto.
Il tiro!
Ai tempi, il 70% sapeva tirare dalla…media!
Il 30% ti menava, ti corrodeva i muscoli ed i nervi, pensate ai “Bad Boys” di Laimbeer e Mahorn, a Jack Sikma o lo stesso Moses Malone! Ma anche uno più recente come…Karl (di Malone!).
Poi, però, in attacco, ti tiravano in faccia da tre/quattro metri…quasi tutti!!!
Non solo un “principe” come..,Alex English, ma anche uno come il 3 “post-medio” come Bernard King!!
E “Ice Man”-George Gervin? Ti uccideva letteralmente da un metro fuori la “zone”. Eri fritto!
Voglio dire che il gioco…il tiro, si è allargato di almeno 5 metri, sul campo!
Nemmeno MJ, e non offendetevi, aveva il “raggio di tiro” di un…Kobe Bryant-figlio suo diretto!
No-no!
Allora mi vengono a parlare, oggi, di Steph?
La gente, i giovani, non si rendono conto.
Ha ragione (il professor) Tranquillo!
Dopo 30 anni di “Nba-play game” ti rendi conto, perché hai un…confronto.
Invito, quindi, voi giovani a…osservare, informarvi, divertirvi ma…sapendo!
Con tutto il rispetto e l’amore per i vostri…ahimè…giovani anni!
Come concludere?
Forse, con le stupefacenti 72 Wins, l’augurio degli altrettanti MVP (per chi?) dell’anno, della Difesa (e chi se non, finalmente, il manco-due-metri Dry?), al coach fantastica-persona Kerr, e chi più ne ha più ne metta?
Lo meritano, credetemi, sanno quello che fanno e hanno vinto…
Se non ci credete, andate a vedervi la partita di stanotte scorsa contro gli Spurs, all’Alamo!
Steph ed i suoi, moltiplicano spazi e gioco della storia, per tre Stockton, per due Magic e Larry, almeno il doppio della “mole di lavoro” dello Steve Nash dei bei tempi! 
Poi, duplicate ancora…la velocità del tutto!!!
Coach Pop li va ancora…cercando.
E si chiede (ancora a casa…):
che cosa devo fare, dove cazzarola li metto, quando arriva il…figlio del vento??
Boh.
 
 
 
g.m.
RosetoSportiva.net