Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
BASKET - NBA SHOTS
NBA PlayOff 2018
Lieto di riparlarvi della Lega sportiva più spettacolare ed intrigante del Pianeta…
Dopo 40 anni, il sottoscritto si è convinto di un paio di aspetti:
il primo è che i Playoffs Nba sono del tutto diversi e radicalmente imprevedibili, per mille motivi, rispetto alla stagione della Regular Season appena conclusa!
Per molti, addirittura “un altro sport”, un altro complesso tipo di basket… 
Il secondo, non meno rilevante, è che se c’è qualcosa che può andare storto, quello è un…turno di Playoffs!!!....anche qui, per cause di cui riparleremo.
In relazione ai suddetti temi, fissiamo alcune piccole certezze:
1) CARENZE tattiche, tecniche ed atletiche (vedasi “infortuni”), degli 8 Teams coinvolti, anche a causa di eventi imprevisti.
2) DIFESA -senza la quale, non solo non puoi impostare un gioco dominante e prevalente, ma soprattutto, non riesci in alcun modo ad…offendere!!! Quindi:
3) ATTACCO -ok, puoi difendere e limitare i danni, ma poi:
devi comunque fare canestro!
4) I “tuoi” Playoffs, “…COMINCIANO DA UNA VITTORIA IN TRASFERTA!”
-nessuno ha mai vinto un Titolo, senza la capacità di vincerne una -“nell’inferno della casa del nemico!”
5) Sarà assai discutibile, ma IL FATTORE ARBITRALE esiste, si impone spesso e volentieri, sia in negativo che positivo e, come dimostrato dal passato della Lega, può incidere non solo su episodi dubbi, ma pure sull’esito di una…Finale Nba!!!
Ora, dato per sicuro che “siamo folli” e ci vogliamo soltanto “divertire”, discutiamo dei nostri Eroi e delle loro squadre…
Negli accoppiamenti ad Est, tutte le ipotesi sui soliti pronostici ed i presunti “favoriti”, sono già…saltate!
LeBron James, reduce dalla più devastante prova di forza della sua carriera, quasi 28, 9 rimbalzi e oltre 9 assist per sera, a 33 anni suonati, contempla diverse problematiche a livello di…”roster”, non certo…personali!
Innanzitutto, a livello appunto di “collettivo”, rivoluzionato “in corsa” e espressosi in “starting-five” fantasiosi ed improbabili:
dall’infortunio di Thompson e Love, a JR Smith dentro o fuori, Korver da tiratore scelto in quintetto, allo stesso, generoso e comunque atleta fantastico Jeff Green, o l’andirivieni dei nuovi Hood o Clarkson e “la scelta” in regia del George Hill, auspicato da LBJ stesso…in definitiva, non solo “inferiori” per caratura a quello da Titolo, ma forse anche ai …più recenti e messi in discussione!
Inoltre, siamo certi che l’attuale “stato psicologico” dei Cavs, sia l’ideale o solo all’altezza del suo…passato?
Sembra che il tanto “arcano” ed oscuro “Cleveland Drama” sia tornato, con tutto il suo tormentato peso “mentale”:
partiti, dopo Kirye, sia D-Wade che il confuso Thomas ed il povero “alibi” Rose, non si è certi più di quanto potesse incidere, diciamo un’ala piccola di 1 e 98 come Jae Crowder (esiliato nello Utah…), sull’impostazione “difensiva” dei medesimi, specie se pensassimo, ad esempio, a come “marcare” sul perimetro i vari esterni della Conference, gente come Oladipo e Stephenson, DeRozan e Ibaka, o anche un vero “super-Rookie” Simmons ed il nostro Belinelli, di una Phila sconvolgente e ormai “esplosa”, qualora si passasse un ipotetico Turno!
Non parliamo poi, di un Antetokounmpo od il meraviglioso Jayson Tatum di Boston…
Atleti che, scherzando o meno, possono contare ormai, su “gruppi” di compagni fantastici, rispetto solo all’anno scorso…
Ergo. Il maestoso “Re” è nudo, ormai “solo”.
Non esiste più una ”Combo”, non si trova un “secondo violino” alla Irving, quelli rimasti sono “gregari” con poca personalità o “inesperti” a livelli “Finals”…
Ad LBJ potrebbe…non bastare, stavolta.
E, soprattutto….”CHI”, difende?
Contro Indiana, solida e organizzata, riusciranno le vecchissime “magagne”:
Kevin Love non sa difendere, conosce come andare a rimbalzo o tirare da 3, ma zero, ripeto “zero” – fondamentali nella propria metà-campo, incapace di coprire un “pick&roll” o fare un semplice “close-out”…
Si vive “sul chi va là” in area, nella confusione…più totale.
Spesso e volentieri, si conclude con un’occhiataccia del King a questo o quello, ad una sfuriata, ad una “dèfaillance” difensiva tra l’imbarazzo e l’indifferenza!!!
No Possible! 
E, se neppure lo “staff”, a partire dall’ansioso e impotente coach Lue, mette riparo a breve, il povero LeBron potrebbe, questa volta, dare un possibile “addio” alla sua “ottava” Finale Nba!
Potrebbero esserci “sorprese” già nelle “Semi-Finals” della Eastern:
i Sixers sono travolgenti, temporaneamente, anche senza il grande Joel Embiid che, secondo il mio insignificante parere, ha un “talento” pari ad un…Hakeem Olajuwon!!!
Non esagero, mica. Sarò …pazzo, semmai!
Se Nikola Jokic’ possiede mano morbida ed estrema intelligenza cestistica, Whiteside è un animale lunatico e sfuggente, Gobert lungagnone da svezzare ed il nerboruto “maori” Steven Adams, un selvaggio rimbalzista e roccioso guerriero, “The Process” possiede “la grazia” del…fuoriclasse epocale:
nessuno di quella gigantesca mole (2e14 x115 chili!) si muove come lui, nessuno possiede piede-perno e “passo d’incrocio”, semi-gancio e jump dai tre/quattro metri, con tiro perimetrale frontale, tutti….insieme!
Ed il suo dinoccolare per il parquet ed…il passo felpato, ricordano “The Dream”, il post “più tecnico” mai esistito!
Se i 76ers superano gli Heat, ci penserà il fenomenale 2.08 epigono di Magic e LeBron, cioè Ben Simmons, a giocarsela per le Finals, con le sue “trovate” ed i passaggi …dietro la testa!!! Toronto, una città che conosco bene, i Raptors -no, non saprei…
Ad Ovest, i Rockets del nativo di Mullens, West Virginia, hanno dominato e…continuano a crederci, unici oltre le 60 vittorie (65 Wins!) ed il record di bombe!!!
L’elegantissimo e scaltro “The Beard”, imperversa tra le difese, in cerca di lob per l’elvetico saltante, inganna tutti, pure “cheer-leaders” e tifosi a bordo campo, prenota la Finale ed esige obbligatoriamente il meritato …MVP, nonostante “The King” e possibili sgambetti di Warriors & Co.!
Houston infatti, perlomeno  in teoria, avrebbe in quest’ultimi “l’unico ostacolo” per la Gloria , ma…nella Nba c’è sempre un…MA:
che ne pensano i “Big3” di OKC ed i favolosi Blazers di “Damned” Lillard???
Anthony Davis domina nella pitturata, Portland potrebbe fermarlo…
Zio Russ è irrefrenabile, non candidato, ha battuto se stesso con la seconda tripla doppia di media, soprattutto nell’ottica “palloni” tra l’indemoniato Paul George, che in Gara 1 sembrava…Larry Legend(!?) ed un, comunque vada, decisivo “Carmelon” Anthony…potranno affrontare Houston?
E questa, potrà ambire al …ritorno di Steph “By Steph” Curry???
Pronostico ancora ai Campioni, KD non vuol saperne, però le…vie del Signore Naismith…sono appunto Infinite!!!!
Prevedo rinsavire LeBron, vedo “Circus” e i Warriors al galoppo, immagino il Barba Harden, da 30+9, oltre il muro del possibile ed il talento “dei giovani” continua a colare, lungo le pendici delle vette più verticali del gioco: 
credetemi, se di questi tempi, vi dico “…la Nba ha il potere di cambiare lo Sport, lo Sport il Mondo!”
Ed io vaneggio…in un futuro spettacolare! 
 
 
g.m.
RosetoSportiva.net